SEZIONI NOTIZIE

Le sfide di Martini tra storia e Accademia

di Stefano Severi
Vedi letture
Tommaso Arrigoni
Tommaso Arrigoni

Tanto tuonò che non piovve: la presentazione dell'Accademia Calcio del Cesena Fc come preannunciato è stata un nulla di fatto. Certo, gli yes men gridano già alla "grande idea" ma ancora per un anno l'Accademy non sarà che la prosecuzione del vivaio del Romagna Centro Martorano. Si potranno tesserare nell'anno 2019/2020 per l'Accademia non selezionata del Cesena Fc solo i bambini dai 6 agli 12 anni cioè fino alla categoria Esordienti, mentre sarà fatta un'eccezione per i nati fino al 2004 che già militavano nel vecchio settore giovanile e per quelli provenienti da società che non rientrano nell'orbita della rete del vecchio Ac Cesena.

La mossa serve per placare il malumore delle società del circondario ed evitare una vera e propria fuga da queste verso i colori bianconeri dagli 11 anni in su. Inoltre, per disincentivare il passaggio verso l'Accademy del Cesena Fc anche dei più piccoli, la società bianconera ha deciso di adottare una quota d'iscrizione più alta rispetto a quella delle società del circondario.

In pratica è un nulla di fatto, o quasi, perchè a differenza di quanto conclamato un po' troppo frettolosamente da qualche autoproclamato house organ nei giorni scorsi, le società di Cesena e dintorni non hanno assolutamente ancora trovato l'accordo con il Cesena Fc. In settimana hanno semplicemente ricevuto una nuova proposta di collaborazione, che in teoria dovrebbe essere addolcita dall'annuncio di una Accademia Calcio in tono minore, ma solo lunedì prossimo ci sarà l'incontro con Daniele Martini per prendere possibilmente una decisione.

Martini vorrebbe "rinominare" i vivai delle società affiliate, usando una formula del tipo "Accademia Calcio Cesena, sede di Savignano", tanto per fare un esempio, mutando in bianco e nero i colori sociali ma lasciando una relativa autonomia nella gestione della sede distaccata (che dovrebbe però sottostare alle linea guida di un responsabile nominato dal Cesena FC) in cambio di una sorta di "prelazione" sui giovani più interessanti. Ovviamente le altre società di calcio, soprattutto quelle con una forte esperienza in campo di valorizzazione del settore giovanile, sono giustamente gelose della propria identità e difficilmente accetteranno la proposta in questi termini. Il modello consorziale - il riferimento è a quanto fatto nel mondo della pallavolo cesenate dal Volley Club - potrebbe funzionare ma i termini sono ancora tutti da negoziare. E la sensazione è che ci vorrà ancora del tempo, visto che si partirà solo dalla stagione 2020/21.

Infine Martini si è lasciato andare in un passaggio alquanto ardito, durante la conferenza stampa di presentazione dell'Accademia Calcio: quello secondo il quale "non è possibile che negli ultimi 10 anni ci sia stato solo un cesenate nel professionismo" (Corriere Romagna) o che "una ricerca fatta ha evidenziato come negli ultimi dieci anni solo un giocatore nato nel Comune di Cesena sia arrivato in prima squadra: Valzania" (Il Resto del Carlino). Tralasciando il fatto di volersi soffermare solamente su quelli nati nel Comune di Cesena escludendo quelli dei comuni limitrofi (come i ravennati Tabanelli e Dalmonte) o quelli pescati altrove ma lanciati dalla Primavera bianconera (Moncini o Sensi), gli ultimi 10 anni hanno visto diversi cesenati (o nati nel Comune di Cesena) debuttare tra i professionisti.

Il primo della lista è Elia Petrelli, di famiglia savignanese ma nato a Cesena, ceduto sciaguratamente alla Juventus per due lire e grande protagonista in Primavera sia in campionato che in Youth League, con una presenza quest'anno anche in C nella Juventus B. La lista continua con il borellese Tommaso Arrigoni (attualmente al Siena ma che ha addirittura esordito in A col Cesena nel 2014) oppure con lo stesso Nicola Capellini (nato e tuttora residente nel Bronx Vigne, con Bisoli debuttò nel Cesena in B). Infine ci sarebbe un altro cesenate che ha esordito in B col Cesena e che Martini dovrebbe conoscere bene visto che proveniva proprio dal vivaio del Martorano e che passò subito al Milan: Luca Giunchi. Ecco, magari di questi Valzania è solo il più forte (augurando il meglio a Petrelli), ma non certo l'unico. 

 


Altre notizie
Lunedì 17 Giugno 2019
17:00 Calciomercato Rea: “Ricciardo e Alessandro: ecco la verità. Cortesi e Jassey vi stupiranno”
Domenica 16 Giugno 2019
20:00 Il Nuovo Cesena Accademia Calcio, ora sì che ci siamo: il Rumagna pronto ad aderire
Sabato 15 Giugno 2019
18:00 Gli ex Colucci: “Alessandro e Ricciardo erano da tenere. E su Modesto e il Conte...” 08:00 Calciomercato Il mercato del Cesena in tre passaggi
Giovedì 13 Giugno 2019
12:30 Gli ex Saluta anche Fortunato: “La ferita è ancora aperta. Ma la vita va avanti…”
Lunedì 10 Giugno 2019
17:00 Il Nuovo Cesena Ma se si parte con i processi e con le polemiche già a giugno…
Domenica 9 Giugno 2019
11:30 Il Nuovo Cesena Tonelli: “Nel calcio non c’è più riconoscenza. Futuro? Intanto mi sposo…”
Venerdì 7 Giugno 2019
15:29 Calciomercato Il Cesena scarica Alessandro e Ricciardo. Restano il Conte, Agliardi e Valeri 08:35 A TE DEG ME A TE DEG ME: "Girone F, serie D: che autolesionismo!"
Giovedì 6 Giugno 2019
18:45 Il Nuovo Cesena Capellini ‘risposa’ il Cesena: “Prima viene il cuore, poi il portafoglio…”
12:00 Focus Enzo Lattuca risponde a TuttoCESENA 08:00 La storia siamo noi Andrea Rossi risponde a TuttoCESENA
Mercoledì 5 Giugno 2019
21:40 Il Nuovo Cesena Jozić torna a casa 13:30 La storia siamo noi Rossi vs Lattuca: 7 domande sul futuro (e passato) del Cesena 08:00 Focus Cesena e il Cesena
Martedì 4 Giugno 2019
09:29 I 10 (s)punti Chi comanda nel Cesena Fc?
Lunedì 3 Giugno 2019
10:00 La Lanterna La Lanterna #26 | Il tuo vestito bianco (nero)
Domenica 2 Giugno 2019
15:44 Campionato Alessandro: “Mi sento come una ruota di scorta. Angelini? Era da tenere…”
Sabato 1 Giugno 2019
20:00 Campionato Ricciardo, futuro in bilico: "Aspetto e…spero. E su Angelini e Modesto…” 18:30 Il Nuovo Cesena Michele Manuzzi al vertice del mondo bianconero