Le pagelle di Vastese-Cesena | Quanta fatica!

di Bruno Rosati
Vedi letture
Agliardi, anche oggi inoperoso
Agliardi, anche oggi inoperoso

Agliardi 6 Ed ecco la solita cantilena: “Non ha colpe sul gol subito”. Lo si ripete da settimane anche ’sta volta è così. Fortunatamente, oggi la rete subita non pregiudica la vittoria. Per il resto, guida egregiamente una difesa alla quale andava infusa sicurezza dopo i passi falsi delle uscite precedenti.

Noce 6,5 Solido. Di fisico e di temperamento. Chiude sempre puntuale, spazza quando necessario, blocca numerose ripartenze. E si veste pure da centravanti nei calci d’angolo e punizioni in attacco.

Benassi 5,5 Uno scivolone nel finale rischiava di compromettere l’intera gara. Si fa valere nei duelli con Shiba, difetta di precisione nell’impostare l’azione.

Ciofi 6 Prezioso. La sua testa respinge un pallone dalla linea di porta, a vantaggio acquisito. Qualche passaggio sbagliato di troppo in orizzontale verso Noce e Valeri. L’idea di giocare con una linea difensiva altissima espone la squadra a numerose ripartenze, lui è quello che ne soffre più di tutti.

Valeri 7 Tirato a lucido, ritrova la verve delle giornate più brillanti. Si conquista il rigore del pareggio e per tutto l’arco del secondo tempo è il giocatore che più volte perfora l’area avversaria con le sue percussioni palla al piede. Alcuni suoi traversoni deliziosi non vengono adeguatamente sfruttati dai compagni.

Biondini 6,5 Peccato per il gol mangiato in apertura. È nel suo miglior momento da inizio stagione a questa parte, lo dimostra ancora una volta sfoderando giocate a volte di classe, a volte pregne di pragmatismo.

De Feudis 6 Partita silente, come suo solito. Stupisce un suo retropassaggio errato che regala un corner ai padroni di casa. Nei restanti minuti, quando la palla passa dai suoi piedi garantisce sempre una manovra ordinata ed efficace.

Tonelli 5,5 A tratti irritante nel primo tempo. Cerca giocate complicatissime o perde l’attimo giusto per servire il compagno più prossimo, finendo attorniato dagli avversari. Va un po’ meglio nella ripresa, lanciandosi costantemente nella prima pressione al portatore di palla. (Dal 94' Tola S.V.)

Alessandro 6,5 Non una delle sue partite migliori, specie nella prima frazione. Riscatta però l’errore dal dischetto di Campobasso, realizzando due penalty che riacciuffano una vittoria assente da quarantadue giorni. L’uomo chiave è sempre lui. (Dall’89' Rutjens S.V.)

Tortori 5,5 Corpo estraneo nel ruolo di prima punta. Si abbassa maggiormente nel secondo tempo, perdendo però molti palloni che Capellupo e compagni non riescono a capitalizzare. Preziosissimo nel finale: tiene palla e consente alla squadra di respirare, evitandole di essere inghiottita dalla Vastese.

Munari 5 Tanta corsa, tanto impegno. Nessuno può mettere questo in discussione. Lo sbaglio sulla rete di Stivaletta è madornale, fotocopia esatta del gol subito alla terza giornata a Matelica. Oggi però è la domenica delle palme, non gettiamogli la croce addosso. Si rifarà. (Dal 83' Campagna S.V.)

Angelini 5,5 Dice, saggiamente, che non bisogna guardarsi alle spalle: né chi insegue, né agli errori commessi in precedenza. Dice, saggiamente, che il tempo a disposizione è poco e che occorre impegnarlo al meglio. “Bisogna essere propositivi”. Sì, l’inizio è tale ma la squadra, non riuscendo a segnare, si scoraggia immediatamente e si perde in un bicchier d’acqua. Il secondo tempo mostra un po’ più di convinzione nei bianconeri, resta il fatto che i gol segnati arrivino solo su calcio di rigore. I cambi sono tardivi.

Cesena FC 5,5 Troppa fatica per superare (di misura) una squadra dal potenziale nettamente inferiore rispetto al Cavalluccio. Pure in questa occasione, come contro Montegiorgio e Campobasso, la conduzione del gioco è apprezzabile. Il successo però passa tutto dalla decisione, inesatta, dell’arbitro di assegnare un secondo rigore. Speriamo veramente che questo successo renda più serene le settimane a venire, soprattutto fra chi deve scendere in campo.


Altre notizie
Sabato 20 Aprile
Giovedì 18 Aprile
20:48 Tanzverbot
Mercoledì 17 Aprile